Metti nel carrello
English Nemecký Rakúsky Français Schweizer Nederlands Italiano Español
FAQ            Contatto

Pletismografia peniena

Anche gli esami pneumopletismografici sono stati classificati come esami utili e non invasivi per l'individuazione di un disturbo circolatorio arterioso dei vasi penieni ([1], Fig. 3.12). Grazie a un laccio emostatico e a un bracciale di misurazione posizionato intorno al pene del paziente, questo esame registra le variazioni di volume del pene, sincronizzate con gli impulsi, quando il deflusso venoso viene strozzato, che si riflettono in curve caratteristiche (Fig. 3.13). Sebbene sia stata descritta una correlazione con i risultati angiografici, il metodo può essere classificato al massimo come un metodo di esame orientativo. Secondo lo SKAT, non offre vantaggi significativi rispetto alla sonografia Doppler e pertanto non ha trovato un uso diffuso.

Pneumopletismografo

Fig. 3.12. Pneumopletismografo con laccio emostatico e bracciale di misurazione.

Pletismografo penieno

Fig. 3.13. Pletismograma del pene, risultati normali (curva superiore), disturbi della circolazione arteriosa (curva inferiore).

Letteratura

  1. Kedia KR (1983) La pletismografia peniena utile nella diagnosi di impotenza vasculogenica. Urologia 12/3:235-239
Autore: S. Alloussi E. Becht H.-V. Braedel , D. Caspari Th. Gebhardt S. Meessen V. Moll , K. Schwerdtfeger J. Steffens
Fonte: Erektile Funktionsstorungen , Diagnostik, Therapie und Begutachtung